Newsletter maggio 2014 – Editoriale

La notte di Capodanno del 2009 l’ho trascorsa passeggiando tra i resti millenari di una città nel cuore del deserto siriano. Un luogo magico, ricco di storia cultura e poesia, di gente sorridente e generosa che ci accoglieva nella propria casa.

A poco più di 4 anni di distanza non riesco a guardare le immagini che ci arrivano da quegli stessi luoghi che non riconosco, trasformati per sempre dalla furia della guerra.

Milioni di uomini donne e bambini sono stati costretti a lasciare tutto per salvare le proprie vite. Molti di loro sopravvivono a stento nei campi profughi, alcuni riescono ad arrivare in Europa dove rischiano di trovare una situazione non molto migliore. In entrambi i casi hanno bisogno di tutto, dal cibo, agli abiti, ai giocattoli, alle medicine. TUTTI NOI POSSIAMO DARE UNA MANO.

Che tu sia un privato o un’azienda puoi scegliere di dare il tuo aiuto concreto alle famiglie siriane, attraverso una donazione, anche di prodotti e beni di prima necessità (vestiti, scarpe, borsoni, medicine, giochi, passeggini, …), alle organizzazioni che hanno preso in carico l’emergenza.

Direttamente sul campo, Ai.Bi. Amici dei Bambini, insieme all’Associazione Syrian Children Relief, ha avviato un progetto per garantire ai bambini e alle famiglie siriane il diritto di sentirsi a casa, nel proprio Paese. Esattamente, le associazioni si stanno occupando di sostenere le famiglie povere dei villaggi che accolgono orfani di guerra e di fornire supporto medico attraverso 4 cliniche limitrofe ai villaggi.

La Cooperativa Farsi Prossimo, invece, è impegnata in prima linea per l’accoglienza e la gestione delle numerose famiglie siriane che arrivano tutti i fine settimana alla Stazione Centrale di Milano. Da ottobre 2013 ad oggi la cooperativa ha garantito assistenza umanitaria, sanitaria, vitto e alloggio a più di 2.000 persone.

Per avere maggiori informazioni su come donare chiama Goodpoint allo 02-84564395 e chiedi di Anna.

GRAZIE!

na

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This