InGalera: dallo studio di fattibilità, all’evento d’inaugurazione

ingaleraLa collaborazione con PwC – network presente in 157 Paesi con oltre 208.000 professionisti impegnati a garantire la qualità dei servizi di revisione, advisory, consulenza legale e fiscale alle imprese – a partire dal 2013 si è arricchita di una nuova sfida: l’avviamento di un ristorante per l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati.

La responsabilità sociale è una tematica strategica per PwC in Italia e lo spirito della firm, doveva essere rappresentato da un’idea innovativa, sostenibile e di qualità, in grado di trasferire anche in ambito sociale l’impegno professionale per lo sviluppo del business.

A Goodpoint è stato inizialmente affidato lo studio di fattibilità del progetto, quando questo era ancora un’idea. In particolare, il nostro compito in una fase iniziale è stato quello di individuare un partner sociale , un luogo e un format che potessero trasformare questa idea in un progetto concreto.

Il punto di svolta è l’incontro con ABC, cooperativa di detenuti nata tra le mura del carcere di Bollate che, gestisce dal 2004 un servizio di catering rivolto all’esterno. ABC accetta la sfida con entusiasmo e con Goodpoint, PwC e la Direzione del Carcere inizia a lavorare al business plan del primo ristorante all’interno di un carcere italiano, gestito da detenuti e aperto al pubblico.

L’inclusione sociale dei detenuti e il coinvolgimento della comunità sono gli obiettivi che i vari attori si sono prefissati; la sostenibilità economica, la conditio sine qua non. Compito di Goodpoint è stato quindi anche quello di lavorare al fundraising: grazie al lavoro fatto alla genialità dell’idea e all’autorevolezza dei partner Goodpoint ha incontrato l’apprezzamento e l’interesse da parte di due Fondazioni che hanno deciso di cofinanziare lo start up dell’iniziativa, Fondazione Cariplo e Fondazione Vismara.

Il ristorante è stato inaugurato il 26 ottobre 2015 e la risonanza sui media nazionali e locali ha dato giusto risalto ad un’operazione unica, nata dall’incontro (e dal coraggio) di un’organizzazione non profit visionaria, un’impresa profit seriamente impegnata nel sociale e un Settore Pubblico illuminato.

Oggi InGalera è aperto con 52 posti a sedere 11 detenuti che lavorano al suo interno. Non resta che gustare le prelibatezze preparate dallo chef e magistralmente servite dall’equipe: www.ingalera.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This