Un impegno condiviso

Il 1° dicembre presso la sede di Fondazione Cariplo, si è svolto l’evento d’inaugurazione virtuale della Family House di Ai.Bi. Amici dei Bambini: la prima struttura in Europa specificamente dedicata a rispondere a 360 gradi a problemi dei bambini abbandonati e delle loro famiglie naturali, adottive e affidatarie.

Questa innovativa “Clinica per la cura dell’abbandono” è nata da un lascito testamentario ed è il frutto di una gara di solidarietà tra la filantropia istituzionale e quella privata, grazie ad una sinergia di forze che rappresenta di per sé un unicum: sostenitori come Fondazione Cariplo e grandi aziende del calibro di Artsana, L’Oréal, IKEA, Hotpoint, Linklaters, Subito.it, Terna, UPS, hanno scelto di fare rete nel nome della lotta all’abbandono, dell’accoglienza e della prevenzione di ogni forma di violenza di cui troppo spesso sono vittima giovani mamme con i loro bimbi.

All’evento, organizzato e coordinato da Goodpoint, sono intervenuti tutti i partner del progetto raccontando il motivo del loro impegno di responsabilità sociale d’impresa proprio in questo progetto.

La Family House ha l’obiettivo di prevenire l’abbandono e dare risposta al bisogno di accoglienza dei minori e delle loro famiglie attraverso una serie di interventi sinergici e complementari: una Culla per la Vita; due Comunità Mamma-­‐Bambino; un appartamento di Semi Autonomia; un Appartamento di Alta Autonomia, un Consultorio Familiare e Centro Servizi per le Famiglie; un Centro di Formazione per Famiglie e Operatori; uno Spazio neutro per l’incontro tra i bambini e le famiglie d’origine e una Foresteria per i volontari Ai.Bi e le famiglie bisognose d’aiuto.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share This